Sweet Sardinia

Otto coppie a bordo del galeone El Pirata, il tre alberi battente bandiera spagnola, che attraccherà nei porti più belli della Sardegna, da Cagliari ad Arbatax, da Porto Rotondo a Castelsardo, da Alghero a Bosa fino al porto di Calasetta per poi chiudere con il gran finale nuovamente a Cagliari. La circumnavigazione dell’isola dei Quattro Mori è il format scelto dal primo reality show tutto italiano dedicato a un territorio: “Sweet Sardinia” va in onda su La5 (a partire dal 19 settembre) ogni giovedì sera alle 21.10 e, in replica, sabato alle 13 e domenica alle 18.30.

Questa cartolina itinerante propone al pubblico italiano il mare, le spiagge, ma anche l’entroterra selvaggio e incontaminato, oltre all’arte e alla storia Made in Sardegna. L’obiettivo dei partecipanti è testare l’affinità di coppia in condizioni difficili, in un alloggio privo di comfort e misurarsi con prove relazionali e fisiche che ne determineranno l’eliminazione.

QUESTIONE DI DIALETTO
Le coppie, provenienti da diverse regioni d’Italia con background socio-culturali molto diversi, devono misurarsi con il dialetto sardo, con l’arte del museo di Cagliari, con i testi di Grazia Deledda, con le pareti del Gennargentu e con l’entroterra selvaggio. Per uscire dal Parco del Sulcis hanno a disposizione solamente un quad, una bussola, una mappa e una destinazione, mentre per affrontare la prova del mercato di Cagliari devono rivolgersi ai commercianti usando esclusivamente il dialetto sardo.

Ogni puntata ha un focus specifico sulle eccellenze del territorio, a partire dal sistema agroalimentare passando per la storia, l’arte e l’architettura con un ampio spazio dedicato alle risorse naturali dell’isola; il tutto condito dalle avventure e dalle storie delle coppie protagoniste.

Il format televisivo – targato Showlab e realizzato con il sostegno di Regione Sardegna, Rete dei Porti e Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna – propone un percorso parallelo dedicato all’educazione alimentare, visto che la Sardegna rientra tra le cosiddette blue zones, ovvero i luoghi del mondo dove si invecchia meglio e si vive più a lungo.

SQUISITEZZE NOSTRANE
Pecorino Romano, olio, pane carasau, pesce e vino sono i compagni di viaggio delle coppie che sfidano il mare alla scoperta della Sardegna nascosta, consigliati da un nutrizionista che li aiuta a scegliere un’alimentazione sana e genuina, a partire proprio dalla spesa per la cambusa che viene fatta, rigorosamente “in lingua originale”, nel mercato di Cagliari.

A supervisionare prove ed eliminazioni è una giuria qualificata ed esperta in affari di cuore: l’attrice Alessandra Barzaghi, lo psicologo di coppia Luca Mazzucchelli e la scrittrice Federica Bosco, autrice di numerosi romanzi di successo che riguardano proprio l’amore. Il trio di giudici attende le coppie all’ingresso di ogni porto di approdo e là si svolgono tutte le fasi di eliminazione, in prima serata. Alla fine, se è vero amore lo dirà la Sardegna.

 

 

SHARE
Articolo precedenteIo vagamondo
Articolo successivoIl cammino di Marcella