Diario di una viaggiatrice superstar

Silvia Cutoloni, blogger Marche

Silvia Cutoloni, blogger MarcheIl prossimo 26 aprile, festeggerà il suo ventinovesimo compleanno in Slovenia, fra Lubiana, Grotte di Postumia e Lago di Bled. Per una viaggiatrice come lei non esiste modo migliore per soffiare sulle candeline, perché le “sgambettate” in giro per il mondo sono la sua passione. Silvia Cutoloni vive a Polverigi, nelle Marche, e si definisce “viaggiatrice, sognatrice e principiante blogger”. I suoi post si sfogliano piacevolmente come una granita sorseggiata sotto il sole e sono raccolti all’indirizzo Diario di una viaggiatrice superstar, dove Silvia racconta i suoi viaggi, elargisce consigli e rivela qualcosa di sé come se parlasse a un vecchio amico.

Silvia, com’è nata l’idea del blog?
In generale, mi piace condividere le mie esperienze attraverso i social network e da tempo mi frullava per la testa l’idea di raccontare i viaggi che affrontavo. Per di più, ogni volta che partivo, cercavo proprio sui blog le informazioni che mi occorrevano, le alternative fuori dalle solite rotte turistiche, quei piccoli e grandi ragguagli che nelle guide tradizionali non è facile trovare. Così, a Silvia Cutoloni, blogger Marcheforza di navigare fra i post degli altri viaggiatori, ho deciso di contribuire anch’io a questo mondo virtuale dove ciascuno mette “qualcosa di diverso”, un’ispirazione improvvisa o lungamente sognata per altre persone.

Viaggiare è bello, ma quanto costa?
Dipende. Non è necessario volare dall’altra parte del mondo per vivere un’avventura con i fiocchi. Personalmente, sfrutto i fine settimana per visitare il territorio vicino a casa, valorizzando la mia splendida regione che ha davvero molto da offrire. Ma tutta l’Italia è costellata di luoghi incantevoli, spesso poco noti e pubblicizzati, che possono a pieno titolo entrare in competizione con gli angoli più belli del pianeta. La maggior parte dei viaggi che racconto sono alla portata di tutti, soprattutto in questi tempi di crisi economica. E poi, come in qualsiasi altro settore, si tratta di compiere delle scelte selettive: magari rinuncio alla borsa o all’abito griffato e metto da parte quel gruzzolo per poterlo trasformare in un viaggio alla prima occasione.

Perché ami viaggiare?
Mi permette di staccare la spina dalla solita routine, di evadere dalla testa ai piedi e conoscere una parte di me che non sapevo di avere. Silvia Cutoloni, blogger MarcheFacendo sempre le stesse cose, percorrendo ogni giorno le stesse strade, mantenendo le medesime abitudini e avendo punti di riferimento fissi, non abbiamo la possibilità di sapere come potremmo reagire in contesti e situazioni diverse: il viaggio è la dimensione che te lo consente, perché ti mette in relazione con persone che hanno usanze opposte alle tue, non parlano una sola parola della tua lingua e mangiano in maniera insolita per i tuoi gusti. Il viaggio ti fa mettere in gioco, e questo mi piace moltissimo.

Qual è il tuo stile di viaggio?
Sicuramente, lo definirei “programmato”. La pianificazione che precede la partenza è la parte che amo di più: cerco informazioni sulle guide, sui blog e sulla rete in generale. Mi è capitato – anche se raramente – di partire all’avventura, ma al ritorno mi sono accorta di non aver visto qualcosa di bello o importante per il semplice fatto che non ne conoscevo l’esistenza. La ricerca serve proprio a questo: Silvia Cutoloni, blogger Marchedefinire i punti di interesse, le cose da vedere assolutamente e gli itinerari migliori per non perdersi nulla. Di solito, viaggio con il mio fidanzato Michele… e lui, dopo tanti anni, sa bene che i nostri viaggi non sono mai vacanze rilassanti, ma impegnative scarpinate che cercano di “spremere” tutto quello che c’è nei paraggi.

Quindi è lui il tuo compagno di viaggio?
Sì, il mio compagno di viaggio e di vita. Lui sopporta e supporta i miei tour, ed è anche un’ottima mano per il mio blog, perché legge quello che scrivo e mi fornisce un parere sincero.

Ma la pianificazione permette anche di risparmiare?
Sì, per viaggiare spendendo poco è fondamentale prenotare gli spostamenti con largo anticipo. Pochi giorni fa, ad esempio, ho prenotato il volo di ottobre per Valencia. Anticipare i tempi permette di valutare diverse Silvia Cutoloni, blogger Marcheofferte e scegliere la migliore.

Nel blog, racconti che il tuo attuale lavoro ti permette solamente di vedere gli altri viaggiare: non ti pesa essere dall’altra parte della barricata?
Tantissimo! Sono un’addetta alla biglietteria ferroviaria e vedo la gente partire continuamente. Negli ultimi anni, ho imparato ad apprezzare il treno, approfittando soprattutto delle promozioni che ogni giorno tengo sotto controllo.

Il treno è il tuo mezzo preferito?
Dipende dalla tipologia di viaggio, da quanto tempo ho a disposizione e ovviamente dalla meta. Mi è capitato di prendere auto a noleggio, che permettono di seguire un itinerario personale ma anche di fermarsi semplicemente per scattare una fotografia. Ma ho viaggiato anche in autobus, in metropolitana e ovviamente in aereo. Quando posso, mi piace soprattutto camminare per vivere completamente i Silvia Cutoloni, blogger Marcheluoghi e immergermi nei loro profumi, rumori, colori.

Come nascono i tuoi post?
Prima e durante il viaggio, arricchisco la mia guida con appunti a margine su trasporti, orari, punti di interesse. Poi, una volta tornata, aspetto l’ispirazione giusta e inizio a scrivere il mio diario.

Alcuni definiscono i travel blogger come “i cantastorie di nuova generazione”: sei d’accordo?
Sicuramente ogni viaggio è una grande storia fatta di tante componenti: i personaggi che incontri, le curiosità che impari, le avventure che vivi. Quando visito un luogo, cerco il più possibile di immedesimarmi con la sua gente: mangio locale e mi sforzo di imparare qualche espressione linguistica. “Adeguarsi” è uno dei miei motti, perché senza quello spirito è impossibile godersi pienamente un Silvia Cutoloni, blogger Marcheviaggio.

C’è un luogo che ti ha rubato il cuore?
L’isola Fuerteventura, alle Canarie. Mi sono innamorata di quelle spiagge di sabbia bianca, delle acque cristalline, del paesaggio lunare, dello stile di vita calmo, non frenetico, senza troppe esigenze.

Qual è il post di cui sei più orgogliosa?
10 cose da non perdere nelle Marche, un post che ho dedicato alla mia terra meravigliosa che ha ispirato le poesie di Leopardi e alle sue colline dove non c’è un pollice di terra inutile come sostiene Montaigne. Nel post, ho elencato le dieci bellezze artistiche, culturali e naturali che, a mio parere, non si possono assolutamente perdere durante una visita alla mia regione: Corinaldo, Ancona, Urbino, il trekking alle Lame Rosse, Ascoli Piceno, la Spiaggia delle Due Sorelle, le Grotte di Frasassi, Senigallia, Loreto e ovviamente un tour enogastronomico tra le pietanze caserecce, dal “brodetto” allo stoccafisso all’anconetana, dal prosciutto di Carpegna alla caciotta di Urbino.

E il post che ha ricevuto più visualizzazioni?
Ce ne sono due: quello dedicato a Corinaldo e l’altro sulle Grotte di Frasassi. Probabilmente, le persone sono attratte dalle bellezze della Silvia Cutoloni, blogger Marchemia regione.

Una sezione è battezzata “L’angolo del viaggiatore”: di cosa si tratta?
È uno spazio che ho voluto dedicare a chi non ha un blog, ma ama viaggiare e ha voglia di raccontare le proprie esperienze. La mia prima “ospite” è Anna, una mia ex compagna di banco, che insieme al suo ragazzo ha vissuto una vacanza on the road in Australia.

Tutti dicono che scegliere il nome per un blog non è mai facile, perché devi racchiudere in due o tre parole l’idea che gli altri devono avere di te: perché hai scelto “Diario di una viaggiatrice superstar”?
È nato da un’ispirazione improvvisa. Stavo facendo zapping davanti alla tv, quando su Mtv mi sono imbattuta in una serie americana intitolata “Awkward: Diario Di Una Nerd Superstar”, che raccontava la vita di una blogger capace di cogliere il lato comico delle esperienze, anche di quelle difficili. Il titolo mi ha colpita e ho voluto ricalcarlo un po’. Anche perché il mio blog è un diario a tutti gli effetti, perché al suo interno non parlo solamente di viaggio, ma a tratti rivelo la mia personalità e i tratti più umani.

Silvia Cutoloni, blogger MarcheAd esempio?
In un post, mi sono aggregata alla catena lanciata da Stefania del blog Diqua&Dilà che, con l’hashtag #NeVadoFiero ha invitato a indicare le tre piccole azioni quotidiane di cui andiamo fieri. Così, ho raccontato la mia capacità di passare sopra ai litigi e alle incomprensioni, il mio amore per la terra e il fatto che cerco di regalare ogni giorno un sorriso ai viaggiatori e pendolari con cui lavoro.

Il tuo viaggio nel cassetto?
L’America on the road. Sicuramente l’organizzazione non sarà facilissima, ma l’entusiasmo non mi manca.

Paola Rinaldi

 

Clicca su Personaggi per leggere tutte le interviste

SHARE
Articolo precedenteGitando.All
Articolo successivoTurismo sostenibile