Autori Posts by Donatella Catteruccia

Donatella Catteruccia

Nata a Viterbo il 22 agosto 1959, è laureata in giurisprudenza. La sua passione è viaggiare, entrando in contatto diretto con popoli, culture e tradizioni totalmente differenti dall’Occidente. Al suo attivo numerose esperienze alpinistiche in Himalaya e una serie di avventurosi viaggi in Cina, India, Nepal, Pakistan e Tibet. Nell’estate del 1998 ripercorre la Via della Seta in mountain bike: tre mesi di viaggio, 5000 chilometri e 7 passi oltre i 5000 metri dal Pakistan a Kathmandu, in Nepal. Nel 2011 ha partecipato come giornalista embedded alla missione italiana in Libano.


4 POSTS 0 COMMENTS
Nata a Viterbo il 22 agosto 1959, è laureata in giurisprudenza. La sua passione è viaggiare, entrando in contatto diretto con popoli, culture e tradizioni totalmente differenti dall’Occidente. Al suo attivo numerose esperienze alpinistiche in Himalaya e una serie di avventurosi viaggi in Cina, India, Nepal, Pakistan e Tibet. Nell’estate del 1998 ripercorre la Via della Seta in mountain bike: tre mesi di viaggio, 5000 chilometri e 7 passi oltre i 5000 metri dal Pakistan a Kathmandu, in Nepal. Nel 2011 ha partecipato come giornalista embedded alla missione italiana in Libano.

Nordic Walking nel Lazio

Camminando si apprende la vita Camminando si conoscono le cose ...Cammina guardando una stella Ascoltando una voce Seguendo le orme di altri passi… (Rubén Blades) È un invito per...
Caminito

Buenos Aires e il fascino del tango

Tristezza pervasa di sensualità, racconto nostalgico di un passato felice ma molto lontano, danza appassionata e virile, desiderio tra corpi che si stringono. È il tango,...

Patagonia, 120 km a piedi tra vette leggendarie

Le coste occidentali della Terra del Fuoco si sgranano in numerose isole, tra le quali serpeggiano canali misteriosi, che vanno a perdersi laggiù, alla...
Donatella Catteruccia. In bici lungo la Via della Seta

In bici lungo la Via della Seta

L’idea di lanciarmi in un viaggio ciclistico attraverso lande desolate, per migliaia di chilometri, mi entusiasmava: un viaggio di rottura, oltre l’immaginabile, alla scoperta dell’ignoto e soprattutto di se stessi.