Autori Posts by Leonardo Paoluzzi

Leonardo Paoluzzi

Di origine umbra, dopo una formazione universitaria nel campo del marketing e della comunicazione e un’esperienza in seno a una grande multinazionale a Roma, decide di prendere un anno sabbatico che lo porta in giro per il mondo, tra cui l’Africa. Arrivato inizialmente in Mali come volontario nel campo dell’educazione, si innamora a poco a poco della cultura, delle tradizioni e delle comunità che abitano l’Africa dell’Ovest. In seguito a numerosi viaggi di scoperta nell’intera regione, incontrando popoli, esplorando villaggi e piccole comunità, entrando in contatto con le tradizioni più vere e autentiche, decide di rimanere stabilmente a Bamako e fondare l’agenzia viaggi e tour operator Kanaga Adventure Tours e contribuire allo sviluppo locale tramite la promozione turistico-solidale.


1 POSTS 0 COMMENTS
Di origine umbra, dopo una formazione universitaria nel campo del marketing e della comunicazione e un’esperienza in seno a una grande multinazionale a Roma, decide di prendere un anno sabbatico che lo porta in giro per il mondo, tra cui l’Africa. Arrivato inizialmente in Mali come volontario nel campo dell’educazione, si innamora a poco a poco della cultura, delle tradizioni e delle comunità che abitano l’Africa dell’Ovest. In seguito a numerosi viaggi di scoperta nell’intera regione, incontrando popoli, esplorando villaggi e piccole comunità, entrando in contatto con le tradizioni più vere e autentiche, decide di rimanere stabilmente a Bamako e fondare l’agenzia viaggi e tour operator Kanaga Adventure Tours e contribuire allo sviluppo locale tramite la promozione turistico-solidale.
Pays Dogon - foto Leonardo Paoluzzi

Perché il Mali?

Punto di incontro geografico e culturale tra l’Africa bianca e l’Africa nera, il Mali è da sempre crocevia di popoli e traffici carovanieri. È la porta del deserto dove finiscono le aride savane saheliane e cominciano le maestose dune del Sahara, un Paese immenso dove convivono miriadi di etnie, ognuna con le proprie tradizioni, la propria lingua, i propri commerci, i propri costumi ancestrali.