Ciclomundi, in sella!

Festival Ciclomundi, Portogruaro, giugno 2014Amanti delle bici da viaggio, da corsa, da freestyle, da città, elettriche, pieghevoli o sportive, gonfiate le gomme e lucidate il telaio. Sta per tornare Ciclomundi, il festival del viaggio e della vacanza in bicicletta che riaprirà i battenti a Portogruaro, in provincia di Venezia (dov’è nato e dove ha sede Ediciclo Editore, la casa editrice a pedali che lo ha ideato), nelle giornate del 13, 14 e 15 giugno. Ancora una volta verrà celebrato il mito, l’epopea e l’utopia della bicicletta in tre giorni di pace, amore e pedalate: dall’ultima edizione che si era svolta a Siena nel 2010, sembra proprio che la sensibilità verso questo mezzo sia aumentata e Ciclomundi tenterà di rispondere a questa ondata positiva con incontri, spettacoli, talk show, animazioni, laboratori e tante novità per un’edizione che si preannuncia spumeggiante.

Festival Ciclomundi, Portogruaro, giugno 2014Ovviamente, Ciclomundi non sarà solamente un inno al viaggio, ma anche l’occasione per affrontare temi legati alla mobilità dolce, alla viabilità sostenibile, al turismo responsabile, alle piste ciclabili, alla scoperta del territorio, da quello dietro casa fino a quello oltre l’orizzonte. Di buon auspicio è il gemellaggio con diversi festival e rassegne dedicati agli “amici della mobilità lenta”, come il Festival della Viandanza di Monteriggioni (Siena), il Festival del Camminare di Bolzano, il Festival du voyage à vélo di Parigi, il Giro d’Italia in 80 librerie promosso da Letteratura Rinnovabile, il Cargo Bike Festival olandese, ma anche con blogger, associazioni e media-partner del mondo della bicicletta e non solo.

Per essere ancora più solido e articolato, il festival ritorna lanciando una campagna di raccolta fondi e chiedendo la partecipazione di tutti gli appassionati delle due ruote: da qualche giorno, infatti, è possibile contribuire alla realizzazione dell’evento andando sul sito ufficiale e facendo una donazione dai 10 euro in su. Ogni contributo sarà ricompensato da un omaggio e naturalmente dal piacere di aver fatto parte della squadra.

Il primo colpo di pedale è previsto per venerdì 13 giugno con un incontro intitolato “Le nuove strade del turismo” promosso dal Vegal (Agenzia di sviluppo dell’area orientale del Veneto) di Portogruaro, che fra gli altri relatori ospiterà Pierre Sabouraud, il promotore della famosa ciclovia che collega Parigi a Londra. Nel frattempo, arriverà da Torino la carovana a pedali con la collaborazione di Wild Track e de La Stazione delle Biciclette di Festival Ciclomundi, Portogruaro, giugno 2014Milano, in tempo per assistere al reading dedicato ad Annie Londonderry, la prima ciclo-viaggiatrice che sul finire dell’Ottocento partì da Boston solo con un revolver e un cambio di biancheria riuscendo a fare il periplo della Terra. Lo spettacolo “Mrs Annie e il giro del mondo” vedrà come interpreti Caterina Gramaglia, Massimo Poggio e Gualtiero Burzi.

Tra sabato e domenica si potranno incontrare pensatori e ciclonauti, scrittori e artisti da Marc Augé a Claude Marthaler, da Emilio Rigatti ad Andrea Satta; ci sarà poi un convegno che metterà a confronto il mondo degli artigiani e l’industria della bicicletta con due docenti di Ca’ Foscari che presenteranno degli studi di settore. Sarà offerta anche la possibilità di partecipare alla grande escursione a pedali “Di ruota in ruota”, organizzata da Sagitta Bike che partirà nel tardo pomeriggio da piazza della Festival Ciclomundi, Portogruaro, giugno 2014Repubblica per rientrare a metà serata in tempo per il concerto del sabato sera, con la Microrchestra.

Nella giornata di domenica ancora incontri con i cicloviaggiatori, un evento denominato il Manifesto della Lentezza, per parlare di cosa significa muoversi e pensare slow; e ancora laboratori, animazioni per bambini, altre escursioni a pedali e, in chiusura, un’altra carovana che partirà da Ciclomundi e raggiungerà Monteriggioni con la collaborazione del Festival della Viandanza, Lifeintravel e il Giro d’Italia in 80 librerie. Infine sarà allestita un’area expo con stand di tour operator, produttori di bici, ciclofficine, riviste di settore, enti del turismo, associazioni, negozi e quant’altro. Il settore espositivo si preannuncia quest’anno più internazionale che mai: a fianco degli operatori turistici locali infatti è già stata confermata la partecipazione delle Fiandre, dell’Austria e della Slovenia.

 

SHARE
Articolo precedenteQuo Vadis?
Articolo successivoChibinda Ilunga