Italia on the Road

Italia on the Road. Quando il viaggio diventa fotografia

Italia on the Road. Quando il viaggio diventa fotografiaDal 15 luglio al 18 agosto, Palazzo San Giorgio di Reggio Calabria ospita Italia on the Road. Quando il viaggio diventa fotografia, mostra ideata e prodotta da Bluocean che, dopo la prima nazionale allestita nella città di Treviso, porta al Sud una collezione che documenta le sfumature del Bel Paese con un approccio privo di retorica e stereotipi.

Oltre ad essere un vagabondaggio attraverso insolite location, personaggi e situazioni caratterizzanti lo Stivale, l’esposizione si presenta come un originale manifesto artistico, specchio delle variegate sensibilità degli autori.
Dal Bluocean’s workshop (percorso didattico e creativo patrocinato da National Geographic Italia e diretto dai maestri della fotografia contemporanea) nascono infatti opere che coinvolgono il visitatore in un itinerario dalle forti suggestioni: è questo il caso dell’evento reggino, dove occhi esperti e punti di vista insoliti invitano a rivolgere lo sguardo alla scoperta delle unicità del territorio italiano.

Italia on the Road. Quando il viaggio diventa fotografiaDalle Dolomiti all’Etna, dal Trentino Alto Adige alla Sicilia, sfilano sfumature inedite di terre e popoli antichi, fieri di una cultura millenaria.
Il percorso espositivo accosta trentasei immagini, libere da sequenze temporali o tematiche, così da consentire al visitatore la modulazione di un itinerario dettato da evocazioni e sentimenti personali.

Le firme sono: Cosimo Calabrese, Gianluca Chininea, Antonino Crea, Elvira Crea, Fulvio De Gregorio, Alessandro Falcone, Fabio Falcone, Valeria Ferraro, Nino Giordano, Teresa Giordano, Diego Iannelli, Manfredi Inverso, Salvatore Laudonio, Giuseppe Malara, Francesco Mallamo, Irene Nucera, Marco Raccichini, Adele Sergi.

Italia on the road. Quando il viaggio diventa fotografia
Palazzo San Giorgio, Galleria
Dal 15 luglio al 18 agosto 2015
Ingresso libero

SHARE
Articolo precedenteIl Marocco a matita
Articolo successivoDa Bra a Lourdes