Nordic Walking nel Lazio

Camminando si apprende la vita
Camminando si conoscono le cose
…Cammina guardando una stella
Ascoltando una voce
Seguendo le orme di altri passi… (Rubén Blades)

È un invito per tornare ad apprezzare un “modo diverso”, ma antico come le nostre origini, di conoscere il mondo e la nostra terra. Nell’era della tecnologia, spesso ci chiediamo se “le macchine ci hanno rapito l’anima!”

Pensiamo alle nostre abitudini quotidiane: quanti passi all’aria aperta facciamo in un giorno e quante ore stiamo invece seduti prigionieri di un computer o inscatolati in una vettura, quante volte rispondiamo ad un cellulare e quante poche occasioni ci capitano per ascoltare il vento, i fiumi, gli alberi o semplicemente il silenzio… la nostra manualità nello scrivere una lettera è ancora la stessa o la mano quasi si rifiuta di stringere una penna ed ancor peggio di seguire il pensiero… pensiamo agli odori, gas di scarico, esalazioni di rifiuti, d’asfalto… il profumo della terra, delle notti d’estate è solo un ricordo.

È vero, le macchine ci hanno rapito la capacità d’emozionarci, la sensibilità verso le bellezze della natura, che seppure nascoste agli occhi dei più ancora ci circondano, il piacere di vivere la socialità in modo semplice e spontaneo, oserei dire che ci hanno rapito anche il benessere fisico.

Ma l’uomo è fatto per camminare. E allora torniamo a camminare per riappropriarci della nostra fisicità, del benessere fisico e mentale, dell’emozione di scoprire luoghi sconosciuti, per vivere in compagnia momenti di autentica e silenziosa intimità con il nostro territorio, per ritrovare la spiritualità lungo i sentieri mistici e religiosi.

Il Lazio custodisce una delle più importanti “vie della fede”, la Via Francigena, che attraversa splendidi ambienti naturalistici, dove scoprire preziosi gioielli dell’architettura religiosa.

Suggestivi anche gli itinerari degli antichi Monasteri Francescani e Benedettini, luoghi di meditazione solitaria, immersi in una natura incontaminata, centri di spiritualità.

Il Lazio offre una scelta di percorsi interessanti, per soddisfare ogni esigenza.

Gli appassionati di montagna possono trovare ambienti selvaggi sulle cime più alte della regione: Monti della Laga, Duchessa-Velino, Terminillo, e vette isolate, pianori erbosi, fitte faggete. O ancora, oltre la Valle dell’Aniene, i massicci dei Carseolani-Simbruini, degli Ernici, il versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo. E vicino alla campagna romana, i Monti Predestini, Ruffi e Affilani; le colline della Ciociaria ed il Monte Cairo, che domina Cassino; le catene del pre-Appennino, come i Sabini, il Navegna-Cervia, i Lucretili, i Lepini, gli Ausoni, gli Aurunci, ricchi di faggete, boschi di querce ed ampie estensioni di macchia mediterranea.

Per chi ama gli ambienti marini ci sono gli splendidi itinerari del Parco del Circeo e delle Isole Ponziane, le aree protette sul litorale roccioso di Sperlonga e Gaeta, le saline di Tarquinia e le coste al confine con la Toscana.

Moltissimi i Parchi e le Riserve Naturali, che tutelano ambienti diversi e preziosi per le loro peculiarità naturalistiche e archeologiche. Ne ricordo solo alcuni, come la Riserva Tevere-Farfa, il Parco della Valle del Treja, i Parchi dei Castelli Romani e dell’Appia Antica. Ugualmente da non dimenticare sono le varie Oasi del WWF disseminate sul territorio della regione.

Altre mete d’interesse storico sono gli infiniti borghi medievali, ricchezza inestimabile, che custodiscono e conservano il nostro passato, le origini e le tradizioni della nostra cultura.

Proviamo a riscoprire “camminando” i luoghi di questa magnifica regione: natura selvaggia e spettacolare, paesi che sembrano sospesi fuori dal tempo, lunghe spiagge dove respirare il profumo del mare, siti archeologici… nel cuore della cultura etrusca e romana.

Passo dopo passo ogni angolo ci regalerà suggestioni nuove e profonde. Camminando, lentamente, ritroveremo nel mondo il fascino perduto della nostra interiorità e dei nostri pensieri.

I MONTI CIMINI

Tra le molte regioni naturali del Lazio, l’area dei Monti Cimini è sicuramente tra le più belle e interessanti. Situata al centro della provincia di Viterbo, la catena culmina nel Monte Cimino (m. 1053), il vulcano più alto del Lazio; seguono il Fogliano (m. 965), il Monte Venere (m. 838) e la Palanzana (m. 802). Il complesso è ricco di una vegetazione rigogliosa, dominato dalle presenza di vasti boschi di querce, frassini, olmi, castagni e faggi secolari.

Monte Fogliano. Riserva Naturale Lago di Vico
Monte Fogliano. Riserva Naturale Lago di Vico

Al centro si trova il Lago di Vico, all’interno di un cratere vulcanico spento, circondato da coltivazioni di nocciolo e con un perimetro di circa 18 km.

Numerose le specie di animali selvatici che abitano la zona: tra i mammiferi il più grosso è il cinghiale, troviamo poi il ghiro, il tasso, il riccio, la talpa, la volpe, la faina, la donnola, la puzzola; tra i rapaci la poiana, il nibbio, il gufo, la civetta; altri volatili ancora come il cuculo il picchio verde, il picchio rosso minore e maggiore.

La natura è selvaggia ed incontaminata, un patrimonio ecologico da mantenere integro e tutelare per la sua ricchezza boschiva, per la varietà degli ecosistemi e per la sua bellezza naturalistica, che offre in ogni stagione spettacoli e colori magici.

 

Articoli di Donatella Catteruccia:
Buenos Aires e il fascino del tango
Patagonia, 120 km a piedi tra vette leggendarie
In bici lungo la Via della Seta

 _________________________

In questo scenario, la Scuola ANWI Viterbo propone una serie di itinerari, accessibili a tutti e coadiuvati da mappe e indicazioni precise.
Per informazioni sui percorsi: www.nordicwalkingviterbo.it  o  www.nordicwalkingcentroitalia.it.
Info su Facebook: Nordic Walking Centro Italia.

COSA È IL NORDIC WALKING

Il Nordic Walking è la nuova disciplina sportiva che sta velocemente conquistando tutto il mondo. Dalla Finlandia dov’è nato, all’Australia, dalla Cina agli Stati Uniti, si contano già in milioni i suoi praticanti. La migliore invenzione Finlandese dopo la sauna.

Il Nordic Walking consiste nell’inserire nella camminata l’utilizzo attivo di bastoncini, specifici per questa disciplina, senza modificare il modo naturale di muoversi. In pratica trasforma una semplice camminata in una efficace forma di attività motoria, per migliorare la condizione fisica, per bruciare calorie e per rinforzare e tonificare la muscolatura di tutto il corpo. È adatto a tutti, indipendentemente dall’età, dal sesso e dalla condizione fisica e in più è divertente, socializzante, rilassante e poco costoso.

Lo si può praticare ovunque e in ogni stagione! È un’attività sportiva completa, che allena contemporaneamente sia il sistema cardiocircolatorio sia la quasi totalità della muscolatura del corpo. Il corretto utilizzo dei bastoni dà una vera e propria spinta al movimento e la velocità della camminata aumenta facilmente. Inoltre riduce la sensazione di affaticamento in quanto il lavoro svolto dal corpo è maggiormente distribuito. Questo vuol dire che praticando il Nordic Walking il corpo lavora di più ma non si sente la fatica. Diminuiscono anche le sollecitazioni alle articolazioni, specialmente alle caviglie, alle ginocchia e all’anca, e questo permette la pratica del Nordic Walking anche a chi è leggermente in sovrappeso, in convalescenza o con problemi fisici e limitazioni di movimento o soffre di problemi alle articolazioni.

 

 _________________________

Sul sito si parla di Nordic Walking nella recensione del libro di
Pino Dellasega
Nordic Walking
Benessere ed emozioni della camminata con i bastoncini
Hoepli Editore