Lorenzo Vizzini

Immagine di Lorenzo Vizzini, cantautore siciliano, Il Viaggio

Immagine di Lorenzo Vizzini, cantautore siciliano, Il ViaggioSi intitola “Il viaggio” il disco d’esordio di Lorenzo Vizzini, già noto – nonostante la giovanissima età – nel panorama musicale italiano come autore e compositore, grazie soprattutto ad Ornella Vanoni che lo ha voluto al suo fianco per scrivere otto dei tredici brani contenuti nell’album “Meticci”, quando lui aveva appena 18 anni.

Ora Lorenzo si mette alla prova con un disco d’inediti, dieci brani legati tra di loro, che raccontano in maniera autobiografica il percorso che il cantautore ha avuto modo di affrontare in questi anni di formazione musicale e umana: a dare titolo all’opera è un viaggio reale, tra la Sicilia e Milano per inseguire la carriera, ma anche interiore, quello che ci riporta Immagine di Lorenzo Vizzini, cantautore siciliano, Il Viaggioa noi stessi e come metafora della vita che scorre fra dritti e rovesci, fra salite e discese.

“Ho dedicato gli ultimi due anni della mia vita a questo progetto, dove mi sono messo a nudo per far conoscere meglio chi sono e scoprire quello che ho attorno, che poi in fondo è la ragione principale per cui amo quello che faccio”, racconta Lorenzo sul suo profilo Facebook.

Il disco – che vanta la collaborazione di musicisti come Nicola Oliva (chitarrista di Laura Pausini ed Ornella Vanoni) e Giordano Colombo (batterista di Franco Battiato e Gianna Nannini) – è stato mixato a Londra da Steve Lyon, noto ingegnere del suono, già a lavoro con Depeche Mode, Cure, Paul McCartney, mentre il mastering è stato realizzato ai Metropolis Studios da John Davis (U2, Lana Del Rey, Prodigy, Florence + The Machine).

Immagine di Lorenzo Vizzini, cantautore siciliano, Il ViaggioFra le canzoni “vagabonde” contenute nell’album c’è la numero 6, intitolata “Camminare”, che nel finale racchiude un po’ la sintesi del lavoro: “Camminare, camminare per ritornare in noi”.
Tra le infinite scelte che percorriamo nella nostra vita, tra traguardi e sconfitte, lacrime e sorrisi, ci sono infiniti bivi che decidono il nostro destino. “Il nostro percorso è la vita, ma la meta finale probabilmente è racchiusa dentro noi stessi”, spiega Lorenzo, che mentre scriveva questo brano pensava ai “caminanti”, zingari di una vecchia tradizione, che vivono in Sicilia.

“Quando mia nonna era bambina, passava molto tempo con loro, per le strade di Noto, e penso di avere ricevuto in dono questa eredità esploratrice.
La strada è abisso ma anche luce, il luogo dove perdersi ma allo stesso tempo dove ritrovarsi.
‘Camminare’ doveva essere il primo Immagine di Lorenzo Vizzini, cantautore siciliano, Il Viaggiosingolo e forse un giorno lo sarà. Per adesso è una canzone de ‘Il viaggio’, alla quale voglio particolarmente bene”.

A chiudere il disco invece è “Tra pozzanghere e stelle”, che racconta come spesso le strade della vita seguano logiche incomprensibili, di cui scopriamo il senso solamente con il tempo. “Ma in tutto questo insieme ingarbugliato di attimi, c’è una presenza che non ci abbandonerà mai: il nostro cuore”.
Un album da ascoltare e da vivere, a fior di pelle e sulla propria, perché ciascuno è in viaggio, lo è stato o lo sarà, per il semplice fatto di essere vivo.