Mali, bagaglio

Tra le masserizie che costituiscono il bagaglio di questa donna Peul spiccano il tradizionale mortaio in legno, indispensabile per sfarinare i cereali, e una grossa pentola di alluminio di riciclo, usata per la cucina.
La teiera, posta sulla testa, è invece in plastica.
Una buona parte dei Peul del Mali conducono ancora la tradizionale vita semi-nomade, alle perenne ricerca di cibo e acqua per le loro mandrie.
Il continuo movimento esige che tutti i beni posseduti dalla famiglia siano leggeri, smontabili e facilmente trasportabili a dorso d’asino o di dromedario.
Le stuoie di fibre vegetali e i pali in legno, sistemate ai lati del basto, serviranno a costruire un nuovo accampamento.

Mali (Bruno Zanzottera/Parallelozero)
Mali (Bruno Zanzottera/Parallelozero)