In viaggio? Sì, ma bio

Immagine di Bio Bank, nuova sezione mappe per viaggi biologici400 ristoranti, 1.500 agriturismi, 200 mercatini e 600 attività convenzionate: girare l’Italia del bio non è mai stato così facile e intuitivo.

Sul portale del biologico Bio Bank, è attiva la nuova sezione Mappe, consultabile sempre e ovunque, da computer, tablet e smartphone, che consente di pianificare il proprio viaggio lungo lo Stivale con un occhio attento al palato e alla salute.

Grazie al nuovo servizio, si può scegliere la trattoria perfetta per una cena tra amici, l’agriturismo per le vacanze o il mercatino per fare la spesa.
E poi ci sono centinaia di attività convenzionate
, dove è possibile ottenere il 10 per cento di Immagine di Bio Bank, nuova sezione mappe per viaggi biologicisconto presentando la Bio Bank Card, allegata all’annuario Tutto Bio 2015.

Ogni volta, l’home page Mappe propone un mini-tour bio per immagini, che cambia ad ogni accesso.
Un esempio? La Sicilia con 130 attività bio, la Toscana con 341, Pesaro-Urbino con 70 oppure l’agriturismo la Pievuccia di Castiglion Fiorentino,
la Biosteria Saltatempo di Roma, il mercatino Capra e Cavoli di Bassano del Grappa.

Per chi invece sa già dove andare, basta scegliere luogo e tipologia (“Tutto” oppure “Ristoranti”, “Agriturismi”, “Mercatini”, “Bio Bank Card”) e cliccare su Cerca Immagine di Bio Bank, nuova sezione mappe per viaggi biologiciper avviare la ricerca: a sinistra compariranno le attività trovate, a destra la loro posizione sulla mappa di Google, ogni settore ha il suo colore, ogni tipologia di attività la sua icona (un cappello da chef per i ristoranti, un casale per gli agriturismi, un cartello per le aziende con vendita diretta, una bandierina per i mercatini, uno shopper per i negozi e uno per le profumerie, mentre le attività convenzionate si distinguono per l’ombra grigia sotto l’icona o sotto il map marker.

Per ciascuna attività è possibile consultare una scheda dedicata, da condividere anche sui social, segnalare tra i preferiti o recensire da utenti registrati.
Perché se è vero che il punto di partenza delle Mappe sono i censimenti annuali Bio Bank, è altrettanto vero che la loro forza propulsiva è nell’interattività con gli utenti, che adesso hanno un alleato virtuale per andare alla scoperta del biologico nel Bel Paese.

SHARE
Articolo precedenteDa Firenze a Singapore
Articolo successivoStreeat Foodtruck