Il Marocco a matita

È passato ormai del tempo, ma niente potrà cancellare le tracce indelebili che il viaggio in Marocco ha lasciato nella mia visione del mondo.

Esiste un’enorme distanza tra il nostro modo di concepire la cultura araba e la realtà, e non basteranno mille libri o mille immagini per riuscire a colmarla.

Bisogna sperimentare sulla propria pelle di viaggiatore l’ospitalità disinteressata che fa aprire la porta di casa a uno sconosciuto senza chiedere nulla in cambio, lo spirito di condivisione che fa mangiare tutti gli invitati nello stesso piatto senza che nessuno tenti di accaparrarsi il boccone migliore, la dignità di certe moderne e istruite donne marocchine, economicamente indipendenti, profondamente religiose e innamorate del proprio paese…

Questo breve Diario di Viaggio vuol essere un invito a visitare il Marocco con le sue caotiche città, le sue spiaggie infinite, i suoi deserti, le sue montagne, il suo cibo, la sua lingua, la sua musica, il suo tè!

Francesca Ponzio

Clicca sull’immagine per leggere il racconto

Marrakesh

Un grazie infinito a Manuela Cidda per il suo preziosissimo lavoro di impaginazione.