Viaggio famelico

Un’automobile guidata da uomo bendato e una folle corsa attraverso i palazzi di una metropoli. Il nuovo singolo della band toscana electro-rock-rap Taurina Bros, “Viaggio famelico”, sfrutta il tema on the road per costruire la metafora della corruzione del mondo e della società moderna. Il video, on line da giovedì 30 gennaio, è stato realizzato dal cartoonist Hermes Mangialardo, che ha immaginato un uomo con una benda sugli occhi alla guida di una Thunderbird rossa fiammante.

Lungo le strade di una città, il protagonista – che, nell’aspetto, ricorda un po’ Dylan Dog – si trasforma in un giustiziere spietato, investendo nell’ordine un uomo d’affari, un’attrice e un criminale. “Viaggio Famelico è una metafora della frenesia della vita”, spiegano i Taurina Bros. “Gli eventi folgorano come luci accecanti in un tunnel completamente buio. Non bisogna sbandare o essere titubanti, ma riconoscere il pericolo e schiacciarlo prima che abbia la meglio”.

Il singolo fa parte dell’omonimo album d’esordio, che raccoglie dieci brani dalle sonorità rap e dubstep con contaminazioni rock, elettro, dance e pop. I Taurina Bros (www.taurinabros.it) sono nati dall’unione del duo hip hop italiano Fratelli Taurina, fondato nel 2007 da Darius (Dario Genovesi) e Scanderbraus (Lorenzo Maggiani), con MaT (Matteo Ratti), ex voce della electro-rock band Metzcal.

IL VIAGGIO DI UNA BAND
Scanderbraus ha il suo primo approccio con la musica da piccolissimo, quando prende lezioni di violino. Crescendo, il suo interesse per le note si focalizza soprattutto sull’ascolto e la sua conoscenza musicale matura grazie ai numerosi viaggi in tutto il mondo e al lungo periodo trascorso in Inghilterra, dove viene a contatto con la realtà underground londinese. Nel frattempo, durante gli anni Novanta, Darius segue con passione l’evoluzione del rap italiano, inaugurando la sua carriera da rapper nel 1998, sul palco di uno dei concerti degli Articolo 31 durante il loro tour “Nessuno”.

È nel 2007 che comincia la loro carriera compositiva comune, alle prese con i primi home recordings, che sfociano nella realizzazione del Demo “Tutto e subito” e nel terzo posto al Demo Festival 2009, la kermesse che seleziona il meglio della musica emergente tra le proposte messe in onda nel programma di Rai Radio1 “Demo” dedicato alla musica emergente. Mentre Darius e Scanderbraus portano alle case discografiche la loro proposta, incontrano per la prima volta Matteo Ratti, all’epoca leader e voce della Electro Rock band Metzcal, nasce così un rapporto di stima reciproca che sboccerà solo qualche anno dopo.

Proprio da un beat del brano “Y?2” di Matteo nasce “Ogni cosa brucia” ad opera di Darius e Scanderbraus, sotto la cura dello studio di autoproduzione “Taurus Studio” fondato dai due rapper. “Ogni cosa brucia” diventa così scintilla del nuovo progetto: Taurina Bros, che vede i tre artisti incidere “Viaggio Famelico”, il loro primo album, uscito a giugno 2013 e distribuito da House of Glass Production e Baby Angel.

.

.

 

SHARE
Articolo precedenteIn moto come Willy Fog
Articolo successivoCenerentola