Cosimo e Nicole

Sono giovani e vagabondi, la loro casa è l’Europa e la musica la loro più grande passione. Il tema del viaggio percorre da cima a fondo la nuova pellicola diretta da Francesco Amato “Cosimo e Nicole”, con Riccardo Scamarcio e Clara Ponsot nel ruolo dei due protagonisti. Lui è italiano, lei francese. Si conoscono a Genova, durante gli scontri del G8, e basta uno sguardo per farli innamorare. “Tutto nasce dal desiderio di raccontare, attraverso la storia di una giovane coppia, la generazione a cui appartengo, o almeno a cui appartenevo circa 5 anni fa, quando ho cominciato a scrivere questa storia e non avevo ancora superato la soglia dei 30”, spiega il regista nelle sue note. “Sono andato alla ricerca di due ragazzi che si amassero davvero, con la libertà di chi non ha niente da perdere, senza prudenza, senza paura, solo passione. Volevo che si amassero spudoratamente e senza freni”.

Cosimo e Nicole sono una coppia poco convenzionale: sono vagabondi e senza una reale meta che non sia il semplice gusto stesso di vivere assieme. Non hanno legami, sono precari per scelta, indipendenti e un po’ incoscienti. “Più che l’amore, trovano reciprocamente, all’interno del loro rapporto, la complicità dello spirito, che si manifesta in una complicità fisica, tattile. Volevo raccontare la loro storia dal di dentro. Non cercavo di fare un film sulla coppia, ma dentro la loro coppia. Ho cercato di creare un perimetro intimo dentro al quale potessero entrare solo loro, con anima e corpo”.

Amato ha chiesto a Riccardo Scamarcio e Clara Ponsot di interpretare i due protagonisti perché sapeva di poter ottenere da loro l’intensità fisica ed emotiva che serviva ai personaggi: fare del corpo dell’attore il piano su cui si disegna la storia, questo era il suo obiettivo. “Ho ricevuto, in cambio a questa mia richiesta, una generosa complicità, e certamente il ricordo più bello di questa esperienza saranno le notti trascorse tutti e tre assieme a discutere su che fare nelle scene del giorno dopo, se la pagina di sceneggiatura ‘diceva la verità’, o se invece il personaggio, per come lo stavamo interpretando, sarebbe andato in un’altra direzione, se bisognava dare fiducia al copione, o ‘fare di testa nostra’ e riscrivere”.

La sceneggiatura è diventata una traccia, mai tradita nel suo senso profondo, ma quotidianamente riaggiornata attraverso il filtro degli attori, sempre più specchi dei loro personaggi. Cosimo e Nicole sono due ragazzi che di fronte al dolore e alla colpa reagiscono in modo opposto, prendono strade diverse, scoprono in fondo di essere diversi. L’amore li ha uniti, ma non basta per renderli una cosa sola.

La prova del dolore li divide. Per riscattarsi e salvare il rapporto occorre fare i conti, per la prima volta, col “mondo fuori” dal loro rapporto. “Questo film si è rivelato una grande esperienza, prima di tutto umana. Io cerco di essere un regista aperto alle sensazioni dei miei collaboratori, dall’attore al produttore, dallo sceneggiatore al montatore, cerco di mettermi in discussione, perché solo così riesco a realizzare quello che voglio realmente, che appunto non è mai ciò che desidero all’inizio di un progetto, prima di un lungo processo di confronto”.

In questo film, il regista assicura di aver lavorato con un gruppo che ha creduto senza riserve alla necessità di raccontare una storia che più che “rappresentare” una generazione, vorrebbe “appartenere” a una generazione, vitale e incosciente, e forse un po’ in estinzione, come la giovinezza di Cosimo e Nicole, come la musica rock, i viaggi senza meta, e la capacità di amarsi davvero.

 

Clicca qui per leggere altri articoli della sezione News

SHARE
Articolo precedenteEssere e apparire
Articolo successivoLa mia casa è dove vado