Amy Johnson, l’aviatrice dei record

Amy Johnson - fonte: www.rafmuseum.org.uk

La storia è solcata da passi femminili.
Le donne di ogni epoca hanno viaggiato in lungo e in largo per passione, necessità o missione: le regine per intrecciare relazioni politiche e diplomatiche, le fondatrici di istituti religiosi per portare nel mondo il proprio zelo missionario, le antropologhe per studiare la realtà di Paesi lontani, le esploratrici per un desiderio di avventura, le esuli perché costrette ad abbandonare la patria.
Per Amy Johnson, l’aviatrice inglese che stabilì numerosi record di percorrenza negli anni Trenta del Novecento, sono stati soprattutto la distanza e il mezzo di trasporto ad accendere la sua passione per i viaggi.

Amy_Johnson2Dopo essersi laureata alla Sheffield University, Amy diventa segretaria dell’avvocato londinese William Charles Crocker, covando segretamente il desiderio di volare.
Inizia a esercitarsi presso il London Air Club di Edgware e, sotto la guida del Capitano Valentine Baker, è la prima donna britannica a conseguire la licenza C.
Grazie al sostegno di suo padre, che l’aiuta a comprare un aereo di seconda mano battezzato “Jason”, nel 1930 Amy sfida se stessa e raggiunge Karachi in sei giorni, battendo il record mondiale per la distanza.
Nello stesso anno, si spinge fino all’Australia dopo aver volato per 11 mila miglia.

Nel luglio 1931, insieme al co-pilota Jack Humphreys, raggiunge Tokyo attraversando la Siberia e stabilendo un tempo record per volare dall’Inghilterra al Giappone.
L’anno successivo, realizza un record personale per il volo da Londra a Città del Capo, in Sud Africa.
Nel 1940, nell’ambito della Seconda Guerra mondiale, si presta nel trasporto aereo ausiliario (ATA) e, infine, non fa ritorno da un volo nel gennaio 1941: finita fuori rotta a cause delle condizioni climatiche avverse, il suo corpo non è mai stato ritrovato.

A renderla famosa sono state le sue imprese di pilota, le fotografie che documentano i suoi viaggi, ma soprattutto il coraggio, abbracciato in un momento storico in cui erano pochissime le donne a volare.
Ancora oggi, numerosi edifici e strade sono intitolati a lei: un dipartimento presso l’Università di Sheffield e diverse vie importanti, tra cui Darwin (Australia), Bridlington (Yorkshire), Blackpool (Lancashire) e Londra.

Paola Rinaldi